Mer. 28 Set. 2022
HomeAttualità"Eroe di Cinisello in Thailandia", ma la notizia è una clamorosa bufala

“Eroe di Cinisello in Thailandia”, ma la notizia è una clamorosa bufala

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Un articolo pubblicato da Il Quotidiano nei giorni scorsi riportava la notizia secondo cui un ragazzo di Cinisello Balsamo si era reso protagonista in Thailandia del coordinamento delle operazioni di salvataggio dei ragazzi rimasti intrappolati nella grotta di Tham Luang.

Un gesto di coraggio che non è passato inosservato in città, con diverse condivisioni sui social e grandi attestati di stima. A un ragazzo che, però, non esiste. L’indiscrezione riportata è stata infatti smascherata come bufala, con buona pace di chi per qualche giorno ha creduto di vivere nella stessa città di un eroe.
La prima prova che si tratti di una clamorosa fake-news arriva direttamente dalle informazioni che il sito stesso fornisce ai suoi lettori, auto definendosi come “un sito che non è una testata giornalistica,  e non viene aggiornato quotidianamente. Alcune delle notizie riportate potrebbero essere inesatte o inventate a scopo satirico, per far riflettere o semplicemente per divertire. Vogliate comunicarci se qualche contenuto presente nel sito turbi la vostra sensibilità, provvederemo a rimuoverlo o modificarlo”.

Tanta goliardia, alla quale molti cinisellesi hanno creduto. Il link infatti è stato pubblicato sulle bacheche e sui gruppi locali di Facebook, rimbalzando a destra e a manca. Lo hanno postato anche personaggi illustri, candidati al consiglio comunale; qualcuno giura che sia stato postato anche da assessori e consiglieri che poi hanno rimosso il link, avvisati evidentemente da qualcuno. Anche se, a onor del vero, non era necessario spulciare all’interno delle informazioni del sito per capire della falsità della notizia riportata. Un primo campanello d’allarme avrebbe dovuto suonare quando nell’articolo venivano descritte le circostanze del suo “incarico”. “Qualificandosi – si legge – come esperto in materia, l’uomo è stato immediatamente messo a capo delle operazioni“. Un po’ difficile da credere che il salvataggio venga affidato in mano alla prima persona che si qualifica come “esperta in materia”.

Da non trascurare inoltre alcune imprecisioni temporali: i ragazzi e il loro allenatore sono rimasti intrappolati nella grotta il 23 giugno, mentre nell’articolo si legge che Giorgio Ronchi, questo il nome del fantomatico eroe cinisellese, si è recato sul luogo solamente il 7 luglio. Un lasso di tempo decisamente troppo ampio per una persona che dichiara di essersi “immediatamente” recata sul posto della tragedia.

Entrando più nel dettaglio, infine, era facilmente osservabile come il ragazzo ripreso nella foto fosse in realtà uno dei soccorritori giunto realmente sul posto e ripreso dai telegiornali di tutto il mondo. Il ragazzo, a differenza di Giorgio Ronchi, è sicuramente comparso con nome e cognome anche sulle televisioni di tutti gli italiani, che però non hanno dato peso (giustamente) alla sua identità.

 

[A sinistra l’immagine fasulla riportata dall’articolo, a destra l’immagine vera con nome e cognome dello speleologo]

 

Infine, come riportato da tutti gli organi di informazione, quanto accaduto in Thaliandia ha portato sul posto i migliori specialisti di tutto il mondo per salvare i ragazzi intrappolati. Quelli veri e, sfortunatamente per la categoria, nessun italiano è stato coinvolto.

L’unico eroe di questa storia, dunque, è il lettore che trovandosi di fronte a una notizia del genere è riuscito a capirne la falsità.

ARTICOLI CORRELATI