Ven. 02 Dic. 2022
HomeAttualitàSala: "Aumento del biglietto Atm inevitabile". Di Stefano: "Inaccettabile"

Sala: “Aumento del biglietto Atm inevitabile”. Di Stefano: “Inaccettabile”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – L’aumento del biglietto Atm dal 2019 è inevitabile. Lo ha ribadito il sindaco di Milano, Beppe Sala, in occasione della presentazione del primo bus elettrico di Atm. Lungo 12 metri, ha una autonomia di circa 180 chilometri, una velocità massima di 70 km/h, e un tempo di ricarica di 5 ore. “L’obiettivo è arrivare entro la fine del 2030 a sostituire l’intera flotta di Atm con mezzi full electric“, ha detto Sala.

Le sue parole sull’aumento del biglietto Atm però, per altro a ridosso della presentazione dell’Hub di Bettola, a Cinisello, che dall’assessore Granelli è stato definito come un’opportunità per ragionare sulle tariffe, hanno mandato su tutte le furie, ancora una volta, il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano. “Leggo che il sindaco di Milano conferma l’aumento del biglietto Atm dall’anno prossimo. Una scelta che ci vede contrari: l’aumento del biglietto andrebbe a penalizzare chi vive o lavora nei Comuni intorno a Milano che già adesso pagano di più rispetto ai milanesi. Inoltre un aumento del biglietto avrebbe ripercussioni anche sugli abbonamenti per pensionati e studenti. Invito il sindaco Sala a ragionare anche come sindaco della Città Metropolitana visto che in questi mesi tanti Comuni hanno sollecitato una modifica delle tariffazioni, andando verso un sistema di tariffa unica o di costo del biglietto legato al percorso effettuato”.

“Non solo non ci sono novità da questo lato ma si prefigura un aumento del biglietto Atm, senza che i Comuni della Città Metropolitana siano stati contattati. I sestesi sono stanchi di essere trattati come cittadini di Serie B nelle tariffe e allo stesso tempo auspicano un ripensamento sugli aumenti previsti. Invito l’azienda e le parti in causa a discutere con gli altri sindaci perché è francamente inaccettabile subire scelte unilaterali e rimanere spettatori di fronte a nuovi aumenti, incomprensibili agli occhi dei cittadini”.

ARTICOLI CORRELATI