Dom. 05 Feb. 2023
HomeNEWSLETTERCampagna elettorale, a Sesto la prima lite è tra Romaniello e Sardone

Campagna elettorale, a Sesto la prima lite è tra Romaniello e Sardone

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Quando si dice che la politica va in vacca. Sebbene nessuno sappia cosa sia realmente accaduto, è decisamente deplorevole l’episodio avvenuto qualche sera fa in occasione di un collegamento televisivo di Rete Quattro per un programma di attualità politica a Sesto San Giovanni.

Tra i sestesi presenti davanti alle telecamere, anche alcuni dei “tele – politici” sestesi, che non perdo no mai occasione per stare davanti allo schermo.

Improvvisamente il consigliere comunale uscente del Pd Vito Romaniello e la consigliera comunale milanese di Forza Italia Silvia Sardone (compagna del candidato di Forza Italia Roberto Di Stefano) sono stati protagonisti di una disgustosa lite che si è tenuta ‘dietro le quinte’. Ripetiamo, non è chiaro chi abbia cominciato la lite e chi abbia davvero aggredito l’altro o l’altra. Il fatto è che Silvia Sardone è stata poi portata in ambulanza in Pronto Soccorso, dal quale è stata dimessa in tarda serata con 7 giorni di prognosi. Romaniello ha pubblicato molti video su facebook a sua difesa ed ha presentato querela per diffamazione contro la stessa candidata.

“Mi sono presentato sul set di Rete 4 e sono stato aggredito da un signore che ha cercato di sottrarmi il telefono – ha scritto su fb Romaniello che poi ha postato diversi video nei quali esprime disgusto per l’accaduto – Ho chiamato la Polizia di Stato. La signora Silvia Sardone ha simulato di essere stata aggredita dal sottoscritto. Ora sta dicendo che sono sul posto per boicottare la diretta. E meno male che all’inizio voleva farsi un selfie. Rob de matt”.

Più drammatica e severa la posizione di Forza Italia: “Denunciamo questa aggressione (alla presenza di una ventina di testimoni) ai danni di una donna, colpevole solamente di aver “rovinato” verbalmente il blitz provocatorio del consigliere Pd – dicono da Forza Italia – Riteniamo vergognoso che il confronto politico possa scendere addirittura a mettere le mani addosso a una donna”.

Forse, questi candidati e altri come loro che privilegiano una campagna elettorale fatta per i Social e le trasmissioni televisive, capiranno che la politica è altro.

ARTICOLI CORRELATI