Sab. 13 Lug. 2024
HomeAttualitàCinisello: un questionario per capire se costruire una nuova piscina

Cinisello: un questionario per capire se costruire una nuova piscina

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – L’amministrazione comunale di Cinisello Balsamo torna a pensare a una nuova piscina? Così pare, almeno leggendo il questionario che in questi giorni è possibile compilare online dal sito del Comune. Cliccate qui per accedere alla pagina dedicata.

Il Comune ha predisposto una manciata di domande per capire il gradimento degli utenti delle piscine di Cinisello Balsamo: dopo il restyling di Paganelli e Costa l’amministrazione vuole sondare le reazioni di cittadini e utenti, chiedendo un parere e una valutazione dei servizi offerti in città.

In realtà, guardando bene il questionario, e andando oltre l’apparenza, si tratta di un modo per “testare l’appetito” dell’utenza, cioè di una via che permette di tenere aperto lo spiraglio per la realizzazione di un nuovo impianto natatorio. Il progetto era stato preparato dalla giunta Gasparini ma poi, dopo l’opposizione di alcuni partiti e soprattutto di comitati di cittadini, stoppato dal sindaco Trezzi e dai suoi assessori.

“Questa veloce ricognizione consentirà ai servizi comunali preposti di avere un quadro più preciso e dettagliato delle opinioni dei cittadini; conseguentemente aiuterà, se necessario, a programmare una più mirata, attenta ed ampia politica di intervento”, si legge sul sito comunale. E’ chiaro quindi, anche leggendo le domande, che la giunta voglia capire se i cittadini sarebbero d’accordo a rispolverare il progetto di una nuova piscina.

Per altro questa possibilità è inserita anche nel nuovo Piano Strategico per lo Sport. “Il questionario serve più che altro per capire se i due project hanno soddisfatto le attese dei cittadini che usano le piscine. Ci serve anche per capire quali sono eventuali altre aspettative dei cittadini di Cinisello, ma anche di chi arriva da fuori città per nuotare nelle nostre vasche, in merito a altri servizi o nuove attività natatorie”, spiega il vice sindaco e assessore allo Sport Luca Ghezzi.

ARTICOLI CORRELATI