Mar. 09 Ago. 2022
HomeCinisello BalsamoStreet Art: 5 writers aderiscono al progetto Muri Liberi a Cinisello

Street Art: 5 writers aderiscono al progetto Muri Liberi a Cinisello

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – In estate l’amministrazione comunale di Cinisello Balsamo aveva annunciato la creazione di una sorta di “albo” dei muri liberi che possono diventare la “tela” per i writers della città, con tanto di approvazione e pubblicazione di un Regolamento (che stabilisce quali pareti pubbliche o di privati cittadini possono essere utilizzate per valorizzare l’arte muraria). Oggi il Comune ha annunciato i nomi dei primi artisti di strada che hanno scelto di aderire al progetto “Street art e muri liberi”: si tratta di Gabriele, Davide, Alessio, Fabrizio e Riccardo sono i primi artisti che hanno aderito al progetto “Street art e muri liberi” e che potranno realizzare murales sul territorio di Cinisello Balsamo.

I 5 giovani fanno parte del gruppo AAA Aerosol Art Area, già conosciuto in città per diverse attività condivise con il Centro di Aggregazione Icaro, tra queste il concorso che ha portato alla realizzazione dei murales lungo il sottopasso di viale Fulvio Testi. “Ieri gli artisti hanno ufficialmente sottoscritto la Writer card davanti all’assessore alle Politiche Culturali Andrea Catania, un permesso una tantum che li abiliterà da subito all’uso dei ‘muri palestra’, utilizzabili liberamente senza vincoli, tra questi quello in via Prati e in via Galvani, nel quartiere di Balsamo lungo l’autostrada A4”, si legge in una nota dal Municipio, da cui fanno anche sapere di aver individuato i primi “muri mostra” che, invece, possono essere concessi a uso esclusivo di un writer o gruppo di writer per un periodo massimo di un anno (tutte le informazioni sono disponibili sul sito de Il Pertini).

“Dobbiamo garantire a giovani e meno giovani la possibilità di comunicare liberamente tramite questa forma d’arte, arricchendo di colore e rendendo più ‘vivi’ muri ed edifici della nostra città. Rivolgiamo un appello ai privati: questo progetto può crescere e svilupparsi se parteciperanno mettendo a disposizione nuovi spazi o muri di loro proprietà”, il commento dell’assessore alle Politiche culturali Andrea Catania.

ARTICOLI CORRELATI