Dom. 03 Lug. 2022
HomeCinisello BalsamoCarta di Pisa a Cinisello: discussione, adozione e polemiche

Carta di Pisa a Cinisello: discussione, adozione e polemiche

[textmarker color=”E63631″]CINISELLO BALSAMO[/textmarker] – Più trasparenza, più legalità. La giunta guidata da Siria Trezzi ha sottoscritto la Carta di Pisa che verrà presentata per l’adozione anche in consiglio comunale. Il documento, destinato agli amministratori pubblici, contiene specifiche regole di condotta e di comportamento finalizzate a rafforzare la trasparenza e la legalità all’interno delle istituzioni pubbliche ed è il frutto di un lavoro di confronto tra amministratori locali, magistrati e giuristi. Sede del gruppo di lavoro è stata la città di Pisa, per questa ragione il codice è stato battezzato come “Carta di Pisa”.

L’adozione della Carta di Pisa, tra gli obiettivi del piano di mandato, rientra nelle diverse attività di prevenzione della corruzione e per la diffusione di una Cultura della Legalità intraprese dall’amministrazione comunale cinisellese. Sono stati, infatti, già approvati il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e il Piano della Trasparenza e Integrità, consultabili sul sito istituzionale. Inoltre, è stato adottato il Codice di Comportamento dei dipendenti del Comune di Cinisello Balsamo con il coinvolgimento degli stessi.

“Non si deve e non si può ridurre l’azione di contrasto alla corruzione ad un semplice adempimento di norme: occorre affrontare il problema con sistematicità – dichiara il sindaco Siria Trezzi -. Attraverso un vademecum di indicazioni precise e concrete e una formazione continua, ci proponiamo di diffondere la “cultura della legalità” sia ai livelli politici e burocratico-amministrativi, sia a livello di società civile in tutte le sue articolazioni”.

Ma anche su questo fronte non mancano le polemiche dell’opposizione. Che arrivano da Enrico Zonca della lista civica Cittadini Insieme. “Non è vero: si strombazzano annunci roboanti, ma senza un briciolo di verità. Come mai nella stessa giornata della discussione sull’ordine del giorno sull’adozione della Carta di Pisa, il sindaco Trezzi ‘casualmente’ esce con un comunicato stampa simile, dopo che le erano state mosse moltissime critiche sul fatto che la completa adozione della Carta di Pisa avrebbe generato una moltitudine di incompatibilità proprio dei componenti della sua giunta? Semplice coincidenza?”, si chiede Zonca accusando la giunta a la Trezzi di “annuncite” dato che non c’è traccia ufficiale dell’adozione della Carta di Pisa da parte della giunta.

ARTICOLI CORRELATI