Lun. 25 Ott. 2021
HomeCinisello BalsamoPrima delle aggressioni, Frigatti aveva sequestrato un'auto

Prima delle aggressioni, Frigatti aveva sequestrato un’auto

[textmarker color=”E63631″]NORDMILANO[/textmarker] – Emergono nuovi dettagli sul giorno delle aggressioni. E’ stato ritrovato il coltello da cucina che sarebbe stato usato da Davide Frigatti per uccidere Franco Mercadante, il 52 enne titolare dell’autolavaggio di via De Amicis a Cinisello, e per ferire Francesco Saponara in viale Gramsci a Sesto e Dario De Ponti al Parco Nord. A trovare l’arma è stato un camionista alla Zepter, azienda che si trova proprio di fronte all’autolavaggio dell’omicidio.

Ma tutta la giornata di follia si arricchisce di nuovi particolari. La mattina delle aggressioni, Frigatti è andato in Emilia Romagna in taxi, ha sequestrato una persona alla guida di una macchina e si è fatto accompagnare a Sesto. Poi ha rubato l’auto e con questa è andato in giro ad accoltellare le tre persone.

TUTTO INIZIA LA MATTINA

Martedì mattina il 34enne di Cinisello ha prelevato al bankomat e si è recato a Cadorna, dove ha lasciato la sua Alfa 147 e ha preso un taxi fino a Piacenza. Qui, dopo essere andato dal barbiere per tagliarsi i capelli lasciandosi una piccola cresta, ha prima tentato di entrare nell’auto di una donna, senza riuscirci; poi si è infilato dal finestrino in una Chevrolet Aveo, guidata da un pensionato 65enne, dicendo: “Parti, parti, mi vogliono uccidere”.

Ma appena partiti, sotto la minaccia di un piccolo coltello, ha obbligato l’anziano ad accompagnarlo fino a Sesto. Durante il viaggio, ha buttato fuori dal finestrino il cellulare dell’autista, dopo che erano arrivate due telefonate. Arrivati a Sesto, ha fatto scendere il pensionato in via Tevere, rubando l’auto e lasciandolo in strada.

A bordo della Chevrolet, Frigatti si è recato al Parco Nord, luogo della prima aggressione. Dopo ha fatto tappa a casa: ha detto ai genitori di essere stato rapinato della sua auto, si è cambiato i vestiti, ed è uscito per andare alla stazione di servizio Shell di viale Gramsci a Sesto, dove ha accoltellato il 55enne Francesco Saponara.

Da una possibile ricostruzione, parrebbe che sia a questo punto tornato di nuovo a casa per prendere un coltello grande dalla cucina: con questo, guidando la macchina del padre, si è diretto all’autolavaggio di Cinisello, dove ha aggredito e ucciso Franco Mercadante. Il papà di Davide, vedendolo uscire con quella lama, preoccupato, è andato in commissariato.

Ma l’allarme è scattato quando ormai era troppo tardi.

ARTICOLI CORRELATI