Lun. 22 Lug. 2024
HomeIn punta di sellinoPane, bici e fantasia. Il ciclismo romantico di Silvano Contini

Pane, bici e fantasia. Il ciclismo romantico di Silvano Contini

Un libro di ciclismo serve a illuminare una storia, risaltare un personaggio. È ciò che ha fatto Paolo Costa, giornalista occupato nella comunicazione istituzionale, ma che al mondo delle due ruote ha sempre dedicato grande attenzione. La sua ultima fatica, “Sorrisi e fantasia: il ciclismo di Silvano Contini”, è stata presentata presso la Biblioteca di Gavirate (VA) in una sala “Abbiati” gremita in ogni ordine di posto. “Si andava alle corse con il sorriso sulle labbra ed era sempre una battaglia: cercavamo il risultato con la grinta e la fantasia”. Così Contini spiega il senso del suo andare in bici, tra affermazioni e sonore sconfitte, vittorie e delusioni, ma appunto sempre con il sorriso dell’uomo felice.

Silvano Contini fece l’impresa alla Liegi-Bastogne-Liegi del 1982

Contini, classe 1958, oggi nonno appagato, prima falegname e prima ancora ciclista della generazione dei Saronni e dei Baronchelli, dei Panizza e degli Hinault, è stato un signor corridore, bravo in salita e veloce anche allo sprint.

Silvano, l’11 aprile 1982, conquistò la Liegi-Bastogne-Liegi davanti al belga De Wolf, e fu lupo tra i lupi. Vinse a casa a loro, in una giornata da tregenda: il corridore lombardo si esaltava spesso nel vento e nel freddo. Si classificò terzo al Giro d’Italia dopo aver lottato a lungo con Bernard Hinault e conseguito tre successi di tappa, vestendo la maglia rosa per un giorno. Il suo bottino al Giro d’Italia fu, in totale, di quattordici giorni in maglia rosa, e di cinque tappe vinte.

Fece sue, inoltre, molte classiche italiane – Giro del Piemonte, Giro del Lazio, Coppa Bernocchi, Coppa Placci, Coppa Sabatini, Trofeo Baracchi in coppia con Daniel Gisiger – e diverse brevi corse a tappe, fra cui Giro di Germania, Vuelta al País Vasco e Giro di Puglia.

Un corridore completo

Il conto complessivo è di 22 corse su strada, 18 tappe e 8 classifiche per un totale di 48 successi.

Con Paolo Costa a questo libro (grafica di Giovanni Baranzini) ha collaborato un gruppo di giornalisti appassionati di ciclismo, con un contributo su personaggi o situazioni di quegli anni ’80: Gabriele Tacchini, Dario Ceccarelli, Luciana Rota, Sergio Gianoli, Riccardo Prando e il sottoscritto, che hanno così completato l’affresco rievocando aneddoti imperdibili.

Il ricavato della vendita del libro – secondo l’intenzione dell’autore – sarà devoluto in beneficenza a realtà che si dedicano a persone in condizioni di difficoltà.

“Sorrisi e fantasia: il ciclismo di Silvano Contini” – € 15,00 – può essere richiesto direttamente a Sunrise Media, via Caracciolo 29, 21100 Varese – Telefono 0332.226239 – info@sunrisemedia.it

Se vuoi condividere informazioni e esperienze nel mondo della bicicletta, scrivi a inpuntadisellino@gmail.com

Angelo De Lorenzi

ARTICOLI CORRELATI