Mar. 17 Mag. 2022
HomeBreaking NewsGiochiamo con Dante!

Giochiamo con Dante!

Nell’anno che celebra il Sommo Poeta esce anche un gioco da tavolo con intento educativo: 52 episodi della Divina Commedia, 3 tabelloni, 48 carte con i versi danteschi

Dante Alighieri quest’anno è stato celebrato in mille salse, al punto che potrebbe risultare ormai indigesto. Ma alla Mimep Docete è balenata l’idea che si potesse tentare un approccio gioioso, ludico, divertente e per nulla irriverente.

La casa editrice di Pessano con Bornago (MI) gioca – è proprio il caso di dire – la carta del divertimento e, oplà, fresco fresco arriva il gioco da tavolo In viaggio con Dante. Inferno, Purgatorio, Paradiso; 52 episodi della Divina Commedia, 3 tabelloni, 48 carte con i versi del Sommo Poeta.

700 anni e non sentirli

Nella ricorrenza dei 700 anni dalla morte del divin poeta, non si poteva forse ideare di meglio. Chi sa ha buone probabilità di vincere, chi è meno esperto delle terzine dantesche può imparare senza annoiarsi.

Il gioco è istruttivo, divertente e favorisce la socialità. Il prodotto si colloca nella ben consolidata linea editoriale della Mimep Docete, capace di realizzare vari giochi con intento educativo. Il meccanismo è semplice: ogni concorrente dovrà fare un percorso su un tabellone avanzando secondo il numero che il dado indicherà, dovrà superare qualche ostacolo, rispondere a domande e giovarsi di qualche carta vantaggio.

Dante per tutti

Lo si consiglia a scuole di ogni ordine e grado, oratori, famiglie e appassionati del Sommo Poeta. Dai 10 anni in su.

Le illustrazioni sono di Michael Grieco. Il gioco è firmato dal team pedagogico Mimep: Erminio Bonanomi, Angelo Zamboni, Valerio Ercolani e sr. Dolores Boitor.

Due parole anche sulla casa editrice: La Mimep è guidata dalle suore della Beata Vergine Maria di Loreto, che oggi sono le eredi dell’opera di evangelizzazione dei fondatori, don Massimo Astrua e don Angelo Albani. Le suore loretane si dividono tra preghiera e lavoro, occupandosi a tutto tondo della casa editrice e dell’attività tipografica: progettano, impaginano, stampano e rilegano i libri.

Caso più unico che raro, le religiose fanno tutto al proprio interno: redazione, grafica, stampa e promozione, con programmi e macchine all’avanguardia. Il team, diretto da suor Dolores, è affiancato da un gruppo di giornalisti, grafici, correttori di bozze, esperti di internet e tecnici della comunicazione che mettono a disposizione le loro professionalità per qualche consiglio.

ARTICOLI CORRELATI