Lun. 21 Giu. 2021
HomeAttualitàPerché acquistare un'impastatrice planetaria di qualità

Perché acquistare un’impastatrice planetaria di qualità

Per chi opera professionalmente nel campo della ristorazione, scegliere un’impastatrice planetaria professionale da inserire in cucina non è così semplice. Tra gli elementi da valutare prima dell’acquisto uno dei più importanti è rappresentato dalla capacità della vasca. Optare per una delle impastatrici offerte da maximakitchenequipment.com/it/service/about/ significa godere della massima libertà di scelta. I “tagli” offerti sono molti, con modelli compatti caratterizzati da vasche di 7 litri affiancati a planetarie tra i 10 e i 60 litri. A seconda del modello scelto è possibile lavorare impasti dai 2 ai 30 kg.

A cosa serve la planetaria?

Questa particolare tipologia di robot da cucina è in grado di svolgere diversi compiti, rivelandosi particolarmente adatte a sbattere, impastare e mescolare i classici ingredienti da forno, lavorando perfettamente pastelle e panna montata. Ottenere impasti per pane e pizza da un’impastatrice professionale si rivela sicuramente più semplice e veloce.

Materiali e accessori: le scelte di Maxima Kitchen Equipment

Nelle impastatrici di dimensioni più contenute, il corpo macchina è in metallo; la ghisa, invece, è il materiale di riferimento dei modelli più grandi. La vasca, a seconda dei casi, è posizionata su una piattaforma, oppure si avvale di un sistema di sospensione e di una base solida. Maxima Kitchen Equipment propone modelli ideali per l’utilizzo in cucine professionali e nel settore ospitalità. Ecco perché questi ultimi vedono la presenza di accessori come ganci a spirale, fruste e ganci a foglia.

Stendipizza: di cosa si tratta?

Lo stendipizza professionale è uno strumento che permette di velocizzare le tempistiche all’interno di una pizzeria, o di qualsiasi laboratorio da cucina normalmente coinvolto nello stirare e stendere le palline dell’impasto per pizza. In particolare, grazie a uno stendipizza è possibile ottenere più facilmente i dischi, dando forma a pizze, focacce e piadine. Conosciuto anche come dilaminatrice, lo stendipizza ha il vantaggio di lavorare a freddo, limitando il surriscaldamento della pasta da lavorare. E questo permette alle caratteristiche organolettiche dei vari ingredienti di rimanere inalterate.

Tipologie di stendipizza: dai monorullo ai modelli a rulli paralleli

Esistono 3 tipologie principali di stendipizza. Ai modelli monorullo si affiancano, innanzitutto, quelli a rulli inclinati. Al primo dei due rulli spetta il compito di stendere l’impasto che, una volta caduto nell’uncino, viene guidato per mezzo della rotazione verso il secondo rullo, posto in posizione sottostante.

E qui avviene una seconda stesura, volta a conferire al rullo la tipica forma tondeggiante di una pizza da piatto. Ideale per ottenere la pizza in teglia sono i modelli dotati di rulli paralleli. Grazie all’esperienza maturata in oltre 40 anni di attività, Maxima Kitchen Equipment offre un’ampia gamma di attrezzature per la ristorazione. Gli stendipizza sono solo uno degli accessori proposti alle realtà che necessitano di strumenti professionali.

ARTICOLI CORRELATI