Ven. 03 Dic. 2021
HomeAttualitàSesto, piscine chiuse. Sport Management: "Noi parte lesa"

Sesto, piscine chiuse. Sport Management: “Noi parte lesa”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – “La nostra società, che attualmente ha in gestione le strutture, è parte lesa e completamente estranea ai fatti che hanno portato alla chiusura forzata dei due impianti natatori a causa della mancanza di energia elettrica. Problematica, quest’ultima, imputabile a un contenzioso in essere tra la società Ets Life Srl (concessionaria per la fornitura dei servizi elettrici dei due impianti) e il Comune della Città di Sesto San Giovanni (proprietario delle due piscine cittadine)”.

Recita così la nota ufficiale diffusa da Sport Management in merito all’improvvisa chiusura degli impianti natatori coperti della città di Sesto San Giovanni (la piscina De Gregorio e Olimpia).

“Sport Management, per preservare la sicurezza dei suoi clienti, si è così vista costretta a chiudere gli impianti a causa della mancanza di energia elettrica. Ci auguriamo che il contenzioso in essere tra le parti possa essere risolto in maniera tempestiva, in modo da poter garantire alla nostra azienda la riapertura delle strutture. Sport Management e il Comune di Sesto San Giovanni stanno collaborando per garantire il ripristino nei più brevi tempi possibili. Nonostante Sport Management sia esente da colpe, e parte lesa relativamente alla situazione, l’azienda si è immediatamente attivata per proporre soluzioni alternative ai suoi clienti e venire incontro alle esigenze dell’utenza”, continua la nota di Sport Management.

“In tal senso saremo lieti di ricevere i clienti presso la piscina Sport Management di Brugherio (dove sono stati trasferiti i frequentatori dei camp estivi delle piscine di Sesto San Giovanni), nella quale sono attivi tutti i servizi offerti nelle due strutture di Sesto San Giovanni. Per ulteriori dettagli questi i contatti dell’impianto (distante circa 11km da Sesto San Giovanni) dell’impianto Sport Management di Brugherio”, si chiude il comunicato.

ARTICOLI CORRELATI