Lun. 05 Dic. 2022
HomeIn evidenzaSesto e Islam. Caponi lancia il tavolo interreligioso: "Promuoviamo il dialogo"

Sesto e Islam. Caponi lancia il tavolo interreligioso: “Promuoviamo il dialogo”

[textmarker color=”E63631″]SESTO SAN GIOVANNI[/textmarker] – Sesto nel Cuore si inserisce nel dibattito che in questi giorni si è acceso a Sesto San Giovanni e che riguarda i rapporti tra la nuova amministrazione comunale e la comunità islamica, alla quale recentemente il sindaco Di Stefano ha vietato l’utilizzo del PalaSesto per la Festa del Sacrificio.

Da sinistra nei giorni scorsi erano piovute critiche sul polo civico di Gianpaolo Caponi. Che ora risponde insieme ai colleghi della lista Sesto nel Cuore: “E’ triste e vergognoso vedere come, in modo assolutamente strumentale, alcuni soggetti continuino a fare campagna elettorale ad elezioni terminate. La coalizione civica è sempre stata per il dialogo e lo abbiamo sempre ribadito in ogni sede, ivi compreso nell’ambito della squadra di governo; accendere la miccia dell’odio, paventare come ritorsione, quasi giustificandoli, atti terroristici è assolutamente fuori luogo, in particolar modo in questo contesto storico”, spiega Caponi.

“Occorre distinguere tra la vicenda urbanistica amministrativa dell’insediamento di via Luini e il tema della libertà di culto, che non viene e non deve essere negata a nessuno dei residenti sestesi e per la quale ci batteremo in ogni sede e con ogni forma, indipendentemente dalla fede religiosa in gioco. Tentare di metterle insieme è da irresponsabili e significa fomentare fraintendimento. Su nostra richiesta è stato inserito in calendario la convocazione di un tavolo interreligioso, di confronto tra tutte le fedi presenti sul territorio e lavoreremo, come sempre fatto, per favorire dialoghi costruttivi: la libertà di religione non deve essere messa in discussione”, aggiunge Caponi annunciando il tavolo.

ARTICOLI CORRELATI