Ven. 03 Feb. 2023
HomeBressoTentata violenza al parco, giovane profugo di Bresso arrestato

Tentata violenza al parco, giovane profugo di Bresso arrestato

[textmarker color=”E63631″]NORDMILANO[/textmarker] – E’ stato rintracciato e arrestato nel campo profughi di via Clerici a Bresso. Un 26enne della Mauritania, a Bresso da mesi in attesa di ricevere un permesso di rifugiato, sarebbe il responsabile di un tentativo di violenza carnale nei confronti di una donna di 59 anni.

L’aggressione è avvenuta il 13 di ottobre scorso nel parco Martesana, tra viale Padova e viale Monza, in una zona molto frequentata dai cittadini e da chi corre. L’uomo ha avvicinato la donna che stava facendo jogging, e l’ha aggredita cercando di violentarla. La sua reazione è stata decisa ed ha messo in fuga il giovane africano, che però le ha rubato il telefonino. E’ stato grazie alla traccia lasciata dal telefono che i carabinieri di Milano sono riusciti a rintracciarlo. Seguendo i vari passaggi di mano fatti dal cellulare, sono riusciti a risalire al 26enne. Venerdì mattina è stato prelevato nel campo dai Carabinieri.

Si tratta del primo arresto per violenza avvenuto nel campo bressese. Un episodio che apre una inquietante situazione e che mette in allarme i cittadini del Nord Milano. Da mesi, molti cittadini denunciano il disagio di fare sport al Parco Nord, che sorge accanto al campo profughi, dove molte decine di ospiti trascorrono le loro ore.

Questo episodio materializza un pericolo che fino ad ora era stato sempre escluso: quello delle aggressioni. Il sindaco di Bresso Ugo Vecchiarelli, sul caso invita alla calma e a non strumentalizzare la situazione. La Lega Nord alza gli scudi e accusa il sindaco affermando che ha sbagliato ad accettare i profughi in città.

ARTICOLI CORRELATI