sharebot_monza
sharebot_monza
NMA feb2018

Nordmilano24

News

Troppe zanzare. I profughi minacciano una nuova rivolta a Bresso

Troppe zanzare. I profughi minacciano una nuova rivolta a Bresso
luglio 03
06:56 2015

BRESSO – Torna il clima di protesta tra gli immigrati ospiti del Centro di Accoglienza della Croce Rossa di via Clerici a Bresso. Dopo la rivolta sfiorata l’8 giugno scorso, giovedì pomeriggio si è fiorata una nuova contestazione dopo che alcuni stranieri hanno marciato dalle loro tende agli uffici della direzione, gestita dalla Croce Rossa Provinciale. Questa volta lamentano la scarsa qualità del soggiorno. Troppe zanzare nelle tende e acqua troppo calda in queste giornale di caldo torrido. Gli stranieri chiedono Autan per sopravvivere all’invasione degli insetti dai quali non riescono a difendersi. Quasi un centinaio di profughi hanno preso parte alla protesta che si è interamente svolta nel campo di via Clerici, dentro la ex caserma che si trova tra il Parco Nord e l’aeroporto di Bresso.

Sono stati subito bloccati da carabinieri e polizia che sono arrivati sul posto in forze. Gli stranieri minacciano di estendere la protesta se le loro ragioni non verranno prese in considerazione le loro ragioni. Nel campo profughi sono presenti tra i 360 e i 480 migranti alloggiati in 54 tende che ospitano fino a 6 o 8 persone. Si tratta di profughi che in gran parte sono destinati ad essere smistati in altri centri della Lombardia per fare spazio a novo arrivi. Nelle ultime settimane si sta provvedendo al montaggio dell’aria condizionata in ogni tenda. Ma la permanenza in quel campo è davvero difficile per lunghi periodi.

sharebot_monza
sharebot_monza

Autore

Redazione

Redazione

Nordmilano24.it è il portale d'informazione di riferimento per il territorio della fascia nord di Milano

Articoli Correlati

COMMENTI

0 Commenti

Non ci sono ancora commenti!

Non ci sono ancora commenti, vuoi aggiungerne uno?

Scrivi commento

Scrivi Commento

La tua E-mail non verrà pubblicata.
*Campi obbligatori *

SEGUI NORDMILANO24

  • Facebook
  • Google+
  • Twitter
  • YouTube