Ven. 02 Dic. 2022
HomeCinisello BalsamoLe tante sfumature del senso civico... secondo la politica

Le tante sfumature del senso civico… secondo la politica

[textmarker color=”E63631″]EDITORIALE [/textmarker]- Nei giorni scorsi il consiglio comunale di Cinisello Balsamo ha deliberato il nuovo regolamento di Polizia Urbana, che sancisce molte le regole di convivenza civile nei luoghi pubblici e privati della città.

Tra le norme introdotte, a destate particolare attenzione da parte dei consiglieri è stata una regoletta: il divieto di volantinaggio durante le manifestazioni istituzionali e i grandi eventi che si svolgono in città. In pratica si voleva impedire che chiunque (soprattutto partiti politici) sfruttassero i grandi eventi come il Mercato Europeo e le feste di piazza, per fare propaganda elettorale o per inscenare contestazioni.

Chi l’ha inserito, ossia l’amministrazione comunale di centrosinistra, lo aveva pensato come elemento di garanzia per i cittadini. Chi lo ha contestato, in primis la Lega Nord, lo definisce un “bavaglio” per la democrazia.

Viene da sorridere che un “Partito democratico” e tutti gli altri consiglieri di quella sinistra che non perdono occasione per parlare di libertà e democrazia,  siano il partito dei divieti. Mentre la Lega Nord, che vanta di essere il partito dell’ordine, sia invece per la deregolation delle regole.

L’unica osservazione che ci viene da cittadini è che in alcune occasioni di festa essere subissati da sollecitazioni politiche mentre si passeggia tranquillamente tra le bancarelle era evitabile. Magari bastava prevedere che i presidi politici potessero essere allestiti all’esterno delle manifestazioni e non al suo interno.

Curioso invece che su certe regole di repressione il consiglio comunale si sia trovato tutto d’accordo.

Contro la prostituzione, quelle norme che puniscono i clienti hanno il sapore di un espediente, dinanzi a una tragedia umana colossale che fa gridare allo scandalo. Nessun politico cinisellese, soprattutto a Sinistra, si è mai indignato per le decine di donne che ogni notte subiscono violenze e umiliazioni sotto le nostre case. Nessuno si è mai ribellato alla criminalità che fabbrica milioni di euro sfruttando le donne. Più facile prendersela con Miss Italia in costume.

Quanto al divieto di campeggio in città per sconfiggere la presenza dei Rom è il classico provvedimento “ping pong”. Il Comune rilancia la palla alle municipalità vicine che non hanno divieti. In attesa che queste li rispediscano indietro sotto altra forma.

ARTICOLI CORRELATI