nordmilano24

Switch to desktop

ALSTOM, DA SESTO ALL’INGHILTERRA

SESTO SAN GIOVANNI – L’eccellenza italiana che vince all’estero. Un’affermazione che non è di certo una novità, così come non c’è da stupirsi che vi sarà della tecnologia tricolore nella prima fase dello studio promosso dal Governo britannico. Si tratta del progetto di cattura e sequestro del carbonio White Rose Ccs per il quale è stata coinvolta l’unità Ecs di Sesto San Giovanni. Un incarico che conferma l’eccellenza della sede sestese di Alstom nell’ambito della ricerca, sviluppo e progettazione delle tecnologie più avanzate per limitare l’impatto ambientale delle centrali elettriche. Il progetto White Rose CCS utilizzerà la tecnologia Oxy-Combustion di Alstom e si avvarrà della tecnologia d’avanguardia dell’azienda per le centrali termoelettriche ultra-supercritiche.

Pubblicato in altre news

ALSTOM, DA SESTO ALL’INGHILTERRA

SESTO SAN GIOVANNI – L’eccellenza italiana che vince all’estero. Un’affermazione che non è di certo una novità, così come non c’è da stupirsi che vi sarà della tecnologia tricolore nella prima fase dello studio promosso dal Governo britannico. Si tratta del progetto di cattura e sequestro del carbonio White Rose Ccs per il quale è stata coinvolta l’unità Ecs di Sesto San Giovanni. Un incarico che conferma l’eccellenza della sede sestese di Alstom nell’ambito della ricerca, sviluppo e progettazione delle tecnologie più avanzate per limitare l’impatto ambientale delle centrali elettriche. Il progetto White Rose CCS utilizzerà la tecnologia Oxy-Combustion di Alstom e si avvarrà della tecnologia d’avanguardia dell’azienda per le centrali termoelettriche ultra-supercritiche.

Pubblicato in ATTUALITA'

ALSTOM, DA SESTO ALL’INGHILTERRA

SESTO SAN GIOVANNI – L’eccellenza italiana che vince all’estero. Un’affermazione che non è di certo una novità, così come non c’è da stupirsi che vi sarà della tecnologia tricolore nella prima fase dello studio promosso dal Governo britannico. Si tratta del progetto di cattura e sequestro del carbonio White Rose Ccs per il quale è stata coinvolta l’unità Ecs di Sesto San Giovanni. Un incarico che conferma l’eccellenza della sede sestese di Alstom nell’ambito della ricerca, sviluppo e progettazione delle tecnologie più avanzate per limitare l’impatto ambientale delle centrali elettriche. Il progetto White Rose CCS utilizzerà la tecnologia Oxy-Combustion di Alstom e si avvarrà della tecnologia d’avanguardia dell’azienda per le centrali termoelettriche ultra-supercritiche.

Pubblicato in ATTUALITA'

ALSTOM, DA SESTO ALL’INGHILTERRA

SESTO SAN GIOVANNI – L’eccellenza italiana che vince all’estero. Un’affermazione che non è di certo una novità, così come non c’è da stupirsi che vi sarà della tecnologia tricolore nella prima fase dello studio promosso dal Governo britannico. Si tratta del progetto di cattura e sequestro del carbonio White Rose Ccs per il quale è stata coinvolta l’unità Ecs di Sesto San Giovanni. Un incarico che conferma l’eccellenza della sede sestese di Alstom nell’ambito della ricerca, sviluppo e progettazione delle tecnologie più avanzate per limitare l’impatto ambientale delle centrali elettriche. Il progetto White Rose CCS utilizzerà la tecnologia Oxy-Combustion di Alstom e si avvarrà della tecnologia d’avanguardia dell’azienda per le centrali termoelettriche ultra-supercritiche.

Pubblicato in ATTUALITA'

ALSTOM, IL TRAM NUMERO 1500 A PARIGI

SESTO SAN GIOVANNI - Alstom, multinazionale francese con sede italiana a Sesto San Giovanni, ha consegnato il suo tram Citadis numero 1.500 in occasione del lancio, lo scorso sabato, della nuova linea 7 di Parigi da parte di STIF (Unione Trasporti della Ile-de-France) e RATP.

Numeri da record: dalla messa in servizio del primo Citadis nel 2000 in Francia, a Montpellier et Orléans, 1.500 tram sono stati consegnati in 33 città in tutto il mondo, hanno già trasportato più di 6 miliardi di passeggeri e percorso oltre 500 milioni di chilometri.

Novità in vista: il tram sarà consegnato prossimamente in altre 10 città, tra le quali Aubagne e Avignon (Francia), Dubai (EAU) e Cuenca (Ecuador). Le sedi italiane di Sesto San Giovanni, centro di eccellenza del gruppo per i sistemi di trazione e di Lecco (100 dipendenti) eccellenza per la progettazione e la realizzazione della terza rotaia hanno attivamente contribuito al raggiungimento di questo traguardo.

Pubblicato in altre news

ALSTOM, IL TRAM NUMERO 1500 A PARIGI

SESTO SAN GIOVANNI - Alstom, multinazionale francese con sede italiana a Sesto San Giovanni, ha consegnato il suo tram Citadis numero 1.500 in occasione del lancio, lo scorso sabato, della nuova linea 7 di Parigi da parte di STIF (Unione Trasporti della Ile-de-France) e RATP.

Numeri da record: dalla messa in servizio del primo Citadis nel 2000 in Francia, a Montpellier et Orléans, 1.500 tram sono stati consegnati in 33 città in tutto il mondo, hanno già trasportato più di 6 miliardi di passeggeri e percorso oltre 500 milioni di chilometri.

Novità in vista: il tram sarà consegnato prossimamente in altre 10 città, tra le quali Aubagne e Avignon (Francia), Dubai (EAU) e Cuenca (Ecuador). Le sedi italiane di Sesto San Giovanni, centro di eccellenza del gruppo per i sistemi di trazione e di Lecco (100 dipendenti) eccellenza per la progettazione e la realizzazione della terza rotaia hanno attivamente contribuito al raggiungimento di questo traguardo.

Pubblicato in ATTUALITA'

ALSTOM, IL TRAM NUMERO 1500 A PARIGI

SESTO SAN GIOVANNI - Alstom, multinazionale francese con sede italiana a Sesto San Giovanni, ha consegnato il suo tram Citadis numero 1.500 in occasione del lancio, lo scorso sabato, della nuova linea 7 di Parigi da parte di STIF (Unione Trasporti della Ile-de-France) e RATP.

Numeri da record: dalla messa in servizio del primo Citadis nel 2000 in Francia, a Montpellier et Orléans, 1.500 tram sono stati consegnati in 33 città in tutto il mondo, hanno già trasportato più di 6 miliardi di passeggeri e percorso oltre 500 milioni di chilometri.

Novità in vista: il tram sarà consegnato prossimamente in altre 10 città, tra le quali Aubagne e Avignon (Francia), Dubai (EAU) e Cuenca (Ecuador). Le sedi italiane di Sesto San Giovanni, centro di eccellenza del gruppo per i sistemi di trazione e di Lecco (100 dipendenti) eccellenza per la progettazione e la realizzazione della terza rotaia hanno attivamente contribuito al raggiungimento di questo traguardo.

Pubblicato in ATTUALITA'

ALSTOM, IL TRAM NUMERO 1500 A PARIGI

SESTO SAN GIOVANNI - Alstom, multinazionale francese con sede italiana a Sesto San Giovanni, ha consegnato il suo tram Citadis numero 1.500 in occasione del lancio, lo scorso sabato, della nuova linea 7 di Parigi da parte di STIF (Unione Trasporti della Ile-de-France) e RATP.

Numeri da record: dalla messa in servizio del primo Citadis nel 2000 in Francia, a Montpellier et Orléans, 1.500 tram sono stati consegnati in 33 città in tutto il mondo, hanno già trasportato più di 6 miliardi di passeggeri e percorso oltre 500 milioni di chilometri.

Novità in vista: il tram sarà consegnato prossimamente in altre 10 città, tra le quali Aubagne e Avignon (Francia), Dubai (EAU) e Cuenca (Ecuador). Le sedi italiane di Sesto San Giovanni, centro di eccellenza del gruppo per i sistemi di trazione e di Lecco (100 dipendenti) eccellenza per la progettazione e la realizzazione della terza rotaia hanno attivamente contribuito al raggiungimento di questo traguardo.

Pubblicato in ATTUALITA'

ALSTOM: PRIMA PIETRA DEL NUOVO POLO DI RICERCA

SESTO SAN GIOVANNI - E' stata posata oggi la prima pietra di quello che sarà un nuovo importante centro di ricerca sestese, unico in Italia e tra i più grandi d'Europa. Questa mattina, il presidente di Alstom Italia, Antonino Turicchi e il Sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò, alla presenza di Paolo Giovanni del Nero, Assessore con deleghe a Industria, Piccole e medie imprese, Artigianato, Commercio, Formazione professionale, Lavoro della Provincia di Milano hanno inaugurato il cantiere del nuovo polo dedicato alla produzione, ricerca e sviluppo nella trasmissione di energia che Alstom, gruppo multinazionale attivo nei settori dell’energia e dei trasporti, sta costruendo a Sesto.

Il nuovo impianto sarà realizzato da Italiana Costruzioni Spa in zona Vulcano su di una superficie totale di 20 000 mq di cui 9.390 mq coperti. Il polo comprenderà, oltre alla fabbrica vera e propria, una palazzina per gli uffici e un laboratorio di circa 64.000 metri cubi per effettuare test elettromagnetici ad altissima tensione in corrente continua ed alternata.

Il nuovo stabilimento sarà infatti il centro di competenza mondiale del settore Grid (trasmissione di energia) per la ricerca, sviluppo e produzione di isolatori passanti per trasformatori in corrente alternata e continua, passamuro, passanti per sottostazioni in gas e per generatori per l’alta tensione. Sarà quindi attivamente coinvolto nei più importanti progetti mondiali di realizzazione di reti elettriche ad alta tensione in corrente continua del gruppo Alstom.

Per la realizzazione dell’area, Alstom investirà 34 milioni di euro, 11 dei quali destinati allo sviluppo di attività di ricerca su tecnologie innovative quali l’alta tensione a corrente continua e l’isolamento che utilizza la carta impregnata di resina.

E’ con orgoglio che poniamo la prima pietra di una nuova sede Alstom in Italia dedicata non solo alla produzione, ma anche alla ricerca e sviluppo nella trasmissione di energia – dichiara Antonino Turicchi, Presidente Alstom Italia –. La scelta del Gruppo di investire nel nostro Paese premia l’eccellenza italiana in questo settore. Le sedi italiane di Alstom Grid, infatti, progettano e producono tecnologie innovative che vengono esportate in tutto il mondo dal Brasile, dove stiamo realizzando la linea elettrica più lunga al mondo, alla Cina”.

Nella nuova sede, che impiegherà 130 persone, 30 delle quali dedicate alla ricerca e progettazione, confluiranno le attività e i dipendenti dell’attuale sito di Milano già attivo nella ricerca, progettazione, sviluppo e produzione di isolatori passanti a condensatore per qualsiasi tipo di applicazione.

Il cuore del laboratorio – dichiara Zohir Benhammou, Direttore dell’unità GRID di Milano - sarà la sala prove, un’enorme gabbia di Faraday2, dove Alstom testerà sia i propri prodotti che, una volta ottenuta la certificazione, quelli dei produttori di materiale di alta tensione di tutto il mondo. La sala sarà attrezzata con generatori di impulsi da 2,8 milioni di Volt per testare la resistenza ai fulmini e con generatore di corrente continua per effettuare prove elettriche in tensione fino a 2,2 milioni di Volt. Verranno inoltre realizzate prove di meccaniche e termiche fino a 6000 Ampere”.

Per tutti gli edifici è stata richiesta la certificazione LEED3: uno standard di costruzione basato su principi quali il contenimento dell’energia impiegata, anche attraverso l’uso di materiali riciclati e riciclabili, il controllo delle fonti inquinanti sia in fase di costruzione sia in quella di utilizzo dell’immobili, e il mantenimento di un ambiente confortevole per chi vi dovrà risiedere.

Con il nuovo sito Grid, Alstom potrà vantare a Sesto San Giovanni un polo tecnologico dell’energia e dei trasporti, con circa 1.000 addetti, tra i principali nel panorama industriale italiano. Nell’area di Sesto sono infatti già attive da quasi quindici anni le sedi di Alstom Transport (380 dipendenti), centro di eccellenza mondiale del gruppo per i sistemi di trazione per treni, tram, metropolitane, di Alstom Power (540 dipendenti) centro di eccellenza per la produzione di barre statoriche per generatori e per i sistemi di controllo ambientale e l’unità Alstom Grid dedicata alle attività di protezione e controllo (35 dipendenti).

 

Pubblicato in ATTUALITA'

ALSTOM: PRIMA PIETRA DEL NUOVO POLO DI RICERCA

SESTO SAN GIOVANNI - E' stata posata oggi la prima pietra di quello che sarà un nuovo importante centro di ricerca sestese, unico in Italia e tra i più grandi d'Europa. Questa mattina, il presidente di Alstom Italia, Antonino Turicchi e il Sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò, alla presenza di Paolo Giovanni del Nero, Assessore con deleghe a Industria, Piccole e medie imprese, Artigianato, Commercio, Formazione professionale, Lavoro della Provincia di Milano hanno inaugurato il cantiere del nuovo polo dedicato alla produzione, ricerca e sviluppo nella trasmissione di energia che Alstom, gruppo multinazionale attivo nei settori dell’energia e dei trasporti, sta costruendo a Sesto.

Il nuovo impianto sarà realizzato da Italiana Costruzioni Spa in zona Vulcano su di una superficie totale di 20 000 mq di cui 9.390 mq coperti. Il polo comprenderà, oltre alla fabbrica vera e propria, una palazzina per gli uffici e un laboratorio di circa 64.000 metri cubi per effettuare test elettromagnetici ad altissima tensione in corrente continua ed alternata.

Il nuovo stabilimento sarà infatti il centro di competenza mondiale del settore Grid (trasmissione di energia) per la ricerca, sviluppo e produzione di isolatori passanti per trasformatori in corrente alternata e continua, passamuro, passanti per sottostazioni in gas e per generatori per l’alta tensione. Sarà quindi attivamente coinvolto nei più importanti progetti mondiali di realizzazione di reti elettriche ad alta tensione in corrente continua del gruppo Alstom.

Per la realizzazione dell’area, Alstom investirà 34 milioni di euro, 11 dei quali destinati allo sviluppo di attività di ricerca su tecnologie innovative quali l’alta tensione a corrente continua e l’isolamento che utilizza la carta impregnata di resina.

E’ con orgoglio che poniamo la prima pietra di una nuova sede Alstom in Italia dedicata non solo alla produzione, ma anche alla ricerca e sviluppo nella trasmissione di energia – dichiara Antonino Turicchi, Presidente Alstom Italia –. La scelta del Gruppo di investire nel nostro Paese premia l’eccellenza italiana in questo settore. Le sedi italiane di Alstom Grid, infatti, progettano e producono tecnologie innovative che vengono esportate in tutto il mondo dal Brasile, dove stiamo realizzando la linea elettrica più lunga al mondo, alla Cina”.

Nella nuova sede, che impiegherà 130 persone, 30 delle quali dedicate alla ricerca e progettazione, confluiranno le attività e i dipendenti dell’attuale sito di Milano già attivo nella ricerca, progettazione, sviluppo e produzione di isolatori passanti a condensatore per qualsiasi tipo di applicazione.

Il cuore del laboratorio – dichiara Zohir Benhammou, Direttore dell’unità GRID di Milano - sarà la sala prove, un’enorme gabbia di Faraday2, dove Alstom testerà sia i propri prodotti che, una volta ottenuta la certificazione, quelli dei produttori di materiale di alta tensione di tutto il mondo. La sala sarà attrezzata con generatori di impulsi da 2,8 milioni di Volt per testare la resistenza ai fulmini e con generatore di corrente continua per effettuare prove elettriche in tensione fino a 2,2 milioni di Volt. Verranno inoltre realizzate prove di meccaniche e termiche fino a 6000 Ampere”.

Per tutti gli edifici è stata richiesta la certificazione LEED3: uno standard di costruzione basato su principi quali il contenimento dell’energia impiegata, anche attraverso l’uso di materiali riciclati e riciclabili, il controllo delle fonti inquinanti sia in fase di costruzione sia in quella di utilizzo dell’immobili, e il mantenimento di un ambiente confortevole per chi vi dovrà risiedere.

Con il nuovo sito Grid, Alstom potrà vantare a Sesto San Giovanni un polo tecnologico dell’energia e dei trasporti, con circa 1.000 addetti, tra i principali nel panorama industriale italiano. Nell’area di Sesto sono infatti già attive da quasi quindici anni le sedi di Alstom Transport (380 dipendenti), centro di eccellenza mondiale del gruppo per i sistemi di trazione per treni, tram, metropolitane, di Alstom Power (540 dipendenti) centro di eccellenza per la produzione di barre statoriche per generatori e per i sistemi di controllo ambientale e l’unità Alstom Grid dedicata alle attività di protezione e controllo (35 dipendenti).

 

Pubblicato in ATTUALITA'
Pagina 1 di 3

©nordmilano24.it. All Rights Reserved. Direttore: Stefano Gianuario (redazione@nordmilano24.it) Mail redazione@nordmilano24.it Pubblicità: pubblicita@nordmilano24.it Edizione Nm Media srl Sede legale via Caldara,24 - 20122 Milano. Iscritto nel Pubblico Registro della Stampa presso il Tribunale di Monza al numero 20 del 26/11/2012

Top Desktop version