Nord Milano Ambiente

Nordmilano24

News

Piazza Gramsci, lastre sollevate: pericolo e polemiche

Piazza Gramsci, lastre sollevate: pericolo e polemiche
maggio 17
07:37 2017

CINISELLO BALSAMO – Quasi come ci fosse stato un terremoto. Invece pare essere solo colpa dell’acqua (o anche del cattivo stato dei materiali ormai logori): le piogge abbondanti dei giorni scorsi hanno fatto letteralmente imbarcare le lastre del sagrato di piazza Gramsci, a Cinisello Balsamo.

Alcune delle lastre che compongono l’area di ingresso alla chiesa di Sant’Ambrogio si sono rialzate: lo “spostamento” è stato lento e progressivo, dal weekend fino a ieri, quando pare che le lastre abbiamo raggiunto la posizione finale. Alcuni dicono sia stata appunto colpa dell’abbondante pioggia e del successivo caldo: l’acqua è filtrata nella base del sagrato per poi “gonfiare” il fondo e spaccare le lastre.

piazza gramsci a pezzi 1

Pericolo e polemiche: già, perché se da un lato le lastre così posizionate (alcune, in altri punti,sono anche rotte e traballano) rappresentano un pericolo per i pedoni, per i bambini che giocano in piazza o per chi passa in bicicletta (è persino difficile, dato il colore del fondo, vedere lo “scalino” che si è formato), dall’altro lato a tenere banco sono le polemiche. Solite, ma anche nuove: commercianti e residenti in testa continuano a criticare fortemente quell’opera mai piaciuta e che forse è stata anche realizzata con materiali non del tutto all’altezza della situazione.

Autore

Andrea Guerra

Andrea Guerra

Co-fondatore di Nordmilano24.it. Prima ancora, giornalista freelance (ovvero guardo, sogno, scrivo). @qn_ilgiorno @gazzetta_it @MiLoGazza @TtgItalia @Nordmilano24 @studentslife_it www.ilgazzettinodisesto.it Se volete sapere qualcosa in più: www.missionegiornalista.com

Articoli Correlati

COMMENTI

0 Commenti

Non ci sono ancora commenti!

Non ci sono ancora commenti, vuoi aggiungerne uno?

Scrivi commento

Scrivi Commento

La tua E-mail non verrà pubblicata.
*Campi obbligatori *

SEGUI NORDMILANO24

  • Facebook
  • Google+
  • Twitter
  • YouTube